Categoria: Sedi e uffici
CANTINA BAIGORRI

SAMANIEGO - SPAIN

Condividi questa pagina su

30x30 Pietra Piasentina Strutturato
20x20 Asiago Naturale

Anno: 2003
Metri Quadrati: 25000
Progettisti: Inaki Aspiazu Iza

Collaboratore: José María Alberola
Impiantistica: José Antonio Padillo
Strutture: R. Lahidalga y Typsa
Superficie coperta: 14000 m2
Costo totale: 7.212.000 euro

Una lanterna a base quadrata, sulla quale è sospesa una copertura a falde leggermente inclinate rivestite di zinco, rappresenta l'unica emergenza fuori terra delle Cantine Baigorri.
Una scatola di vetro, completamente vuota, che accoglie i visitatori immergendoli in uno spazio che segna il limite tra il paesaggio circostante coperto di vitigni, nella località di Samaniego e della Sierra de Cantabria, e la grande cantina ricavata nel terreno.
Questo padiglione di cristallo si assesta su un basamento, innestato nel terreno, rivestito di tavole strette e lunghe di legno, il cui colore sembra costituito degli stessi pigmenti della terra che lo lambisce.
Il dualismo cromatico coinvolge tutto il progetto: i toni scuri, caldi, che dalla terra contaminano il legno del basamento, fino a raggiungere la zona più profonda della cantina, dove trovano posto le barriques di rovere; i toni chiari caratterizzano gli spazi interni di cemento a vista e, in particolare quelle zone che raccolgono le varie fasi del processo e che necessitano di una buona illuminazione.
L'acciaio inossidabile delle finiture, dei macchinari, e delle botti di fermentazione riflette la luce dei grandi apparecchi illuminanti sospesi, moltiplicandone l'effetto.

L'interno dell'involucro acquista un forte carattere monolitico dovuto all'uso esteso del calcestruzzo ed alla coerenza cromatica con la quale è stato scelto il gres porcellanato antisdrucciolo che riveste tutti i pavimenti, la cui elevata resistenza alle aggressioni meccaniche, agli agenti chimici e la facilità di pulizia, lo rendono perfettamente adatto a sostenere le sollecitazioni alle quali è sottoposto.
È stata scelta la Pietra Piasentina, della collezione New Stone, nel formato 30x30 cm e Asiago, della collezione Graniti, nel formato 20x20 cm - fornite da GranitiFiandre - posate entrambe in lastre di spessore maggiorato (12mm), altamente resistenti e quindi particolarmente adatte ad ambienti di produzione quali le cantine.

La scelta ipogea trova conferma nell'organizzazione funzionale, elaborata e definita in sezione seguendo le fasi del processo produttivo.
Procedendo dall'alto verso il basso, il programma della cantina si sviluppa su livelli distinti. Le uve arrivano con gli autocarri che entrano nell'edificio e scaricano al livello +0,30. dopo una selezione dei grappoli, il processo avanza e il materiale scende ai livelli inferiori per la macerazione, la fermentazione, fino alla grande sala voltata delle barriques.
La zona amministrativa si trova al livello immediatamente inferiore alla lanterna, ed è corredata di un negozio di vini e prodotti artigianali, di una sala per proiezioni, una sala espositiva ed una dedicata alla degustazione, ognuna delle quali è separata dalle altre attraverso pareti trasparenti.

La volontà di suggerire uno spazio unico, un ambiente che possa essere percepito dai visitatori nella sua globalità, si ritrova anche ai piani inferiori, dove i solai si aprono ed i collegamenti verticali sono assicurati da grandi rampe che assolvono anche le prescrizioni delle normative contro le barriere architettoniche.
La sezione longitudinale mostra il raccordo tra la costruzione ed il profilo del terreno e l'interno delle cantine appare come un enorme contenitore. Lo spazio è facilmente percorribile ed il processo di lavorazione delle uve può essere seguito completamente.

Gli elementi strutturali sono in gran parte prefabbricati, in quanto le armature sarebbero state molto costose per il tipo di struttura scelta dal progettista, l'architetto Iñaki Aspiazu Iza.
L'impiego di cemento armato precompresso per i solai è stato necessario sia per gli elevati carichi a cui sono sottoposti, sia per le ampie luci coperte. Il tentativo di riorganizzare l'edificio secondo un programma razionale che aderisse perfettamente alle esigenze della committenza e, allo stesso tempo, la volontà di realizzare un'architettura attenta ai suggerimenti del contesto, hanno sostenuto tutto il progetto.
Il risultato è di assoluto rispetto nei confronti del paesaggio, e i filari di vitigni, che corrono lungo la superficie del colle, sembrano attraversare il crinale come se non esistesse interruzione.

Jacopo Maria Giagnoni
Tratto da Materia n°46 - ARCHITETTURA DI CEMENTO

Materiali posati



Richiesta Informazioni

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra "Cookie Policy".