Categoria: Ristoranti
PIZZERIA AI 2 GHIOTTONI

BARI - ITALY

Condividi questa pagina su

Anno: 2009
Metri Quadrati: 360

Nel quartiere San Pasquale della città di Bari, non lontano dal Politecnico e dall'ospedale pediatrico Giovanni XXIII, lungo una delle arterie principali di sviluppo della città, nasce il nuovo ristorante pizzeria e braceria "Ai due Ghiottoni".
Marchio di tradizione, attivo dal 1973, decide di rinnovare la sua immagine.
Il progetto viene realizzato tra l’ottobre 2007 e l’aprile 2008 dallo studio Morelli & Pastore Associati, su committenza della famiglia De Napoli, una delle più rinomate del capoluogo pugliese nel campo della ristorazione.
Contraddistinguono questo progetto di interior design, dalle finiture estremamente accurate, la semplicità e l’eleganza, e particolare attenzione viene dedicata alla scelta dei materiali e all’uso dei colori.
La nuova distribuzione planimetrica articola la sala del ristorante in ambienti diversi, organizzati attraverso l’uso di pannelli separatori in doghe di legno di rovere, appositamente realizzati per questo progetto, che consentono una permeabilità visiva, ma al tempo stesso suddividono sapientemente il grande spazio interno in ambienti raccolti. Questi elementi contribuiscono, sia per materiale sia per forma, a migliorare il comfort acustico della sala. Il gioco delle linee orizzontali delle doghe, ospitate in una cornice in rovere grigio a contrasto, definisce spazialmente il nuovo ristorante.
Per il pavimento della sala interna è stato scelto il gres porcellanato Lavagna della linea New Stone di GranitiFiandre.
La posa del materiale di grande formato (120cmx60cm) è arricchita da intersezioni di acciottolato bianco che ritmicamente disegnano l’ambiente e accompagnano il fruitore. Il colore scuro del materiale, accostato a quello chiaro delle pareti, conferisce gravità, e al tempo stesso eleganza, alla sala interna. Inoltre, la scelta di questa finitura si deve al forte richiamo ad un materiale della tradizione del luogo: l’ardesia.
Cuore del nuovo locale diviene la cucina a vista, che mostra ai clienti del ristorante la sua anima in acciaio, attraverso una grande superficie vetrata che dona profondità all’ambiente interno. Nella nuova distribuzione diviene strategica la posizione del bancone bar, realizzato con un vetro opalino appoggiato su uno zoccolo in acciaio spazzolato, coronato da un piano di marmo scuro che richiama il colore del pavimento GranitiFiandre. Apparecchi da incasso a led disegnano il perimetro dei controsoffitti, e lampade a sospensione, in corrispondenza dei tavoli, costituiscono il sistema di illuminazione del ristorante. Naturale continuità spaziale è conferita alla sala attraverso un’appendice esterna, utilizzata durante la stagione meno fredda.
Infatti, alla superficie coperta di 360m2, si aggiungono 83m2 di superficie esterna, e ben 280m2 di terrazza. Il roof garden, un ambiente dall’atmosfera raccolta e suggestiva, è il terzo spazio in cui si articola il ristorante. Per questo luogo si è scelto un tono di colore chiaro, reso possibile attraverso l’utilizzo del teak per il pavimento e del vimini per gli arredi esterni.


Richiesta Informazioni

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra "Cookie Policy".